Il Femminile dell'Essere

ATTENZIONE! VENERDì 14 DICEMBRE ALLE ORE 20.30, SECONDO INCONTRO DEL SEMINARIO "IL FEMMINILE DELL'ESSERE"!

Introduzione allo studio del simbolismo,
della qabbalah e del tarot

10 incontri seminariali con angela zecca
allieva di Annick de Souzenelle
teologa e psicoterapeuta

Via Marco d'Oggiono 1 Milano
MM2 S.Ambrogio, S.Agostino, Pta Genova
PRENOTAZIONI E INFO
info@lab-arca.it

ANNICK DE SOUZENELLE – biografia
Nata nel 1922, all’indomani della prima guerra mondiale, Annick de
Souzenelle ha conosciuto un’infanzia segnata dai finali sussulti di questo
“terremoto”. La vita delle persone adulte che vede le sembra assurda: quella
degli uomini chiusa nel ricordo delle ore gloriose delle trincee; quella delle
donne confinata nei domestici rifugi. «Queste persone sono come foglie morte»,
scoprirà un giorno, «Bisogna che venga un forte vento perché abbiano
l’illusione di vivere». Decide allora di “vivere davvero”, partendo dallo
scandaglio della “tradizione” per verificarne la giustezza degli esiti. Si
avvicina così al cristianesimo ortodosso d’occidente e impara l’ebraico. Aveva
prima studiato matematica e scienze umane; diplomata infermiera, ha svolto
la professione di anestesista, prima, e poi di psicoterapeuta. Ora dedica la sua
“terza età” a insegnare ciò che lei va rielaborando: un’antropologia che rimetta
l’uomo nella dinamica del suo compimento divino.
Ha pubblicato per la casa editrice Servitium:
nel cuore del corpo la parola, simbolismo del corpo umano, l’arco e la
freccia, giobbe sulla via della luce, lettera, strada di vita, risonanze
bibliche, edipo interiore, il femminile dell’essere, alleanza
dimenticata, l’egitto interiore, il bacio di dio, siamo divisi in due e
camminare con l’angelo.

«il cuore dell’umanità d’oggi è in sofferenza,
nella confusione e nel vuotoche l’assurdo crea»
Questo è il grido d’allarme che Annick de Souzenelle lancia nell’introduzione
al suo libro il femminile dell’essere, rilevando quanto «per la maggior
parte degli uomini e delle donne, la rottura quasi radicale con riti, miti e sogni
sia gravemente patogena e determini l'impotenza ad uscire da uno stato di
esilio».
Ho avuto la fortuna e il grande privilegio di poter seguire gli insegnamenti di
Annick de Souzenelle frequentando i suoi seminari ad Assisi durante gli ultimi
sette anni in cui questa grande donna, già notevolmente avanti con l’età, non
si è risparmiata i disagi e la fatica di sobbarcarsi il lungo viaggio dalla
Francia nell’impegno di porgerci personalmente il suo insegnamento.
Il “destino” ha voluto che approdassi a questo dopo uno studio altrettanto
impegnato della qabbalah ebraica sotto la guida del maestro Nadav Crivelli,
cosa che mi ha permesso di poter seguire agevolmente le spiegazioni di Annick,
che implicavano una discreta conoscenza di questa materia.
Poi l’incontro con Annick: l’interpretazione rivoluzionaria del Simbolismo
del corpo umano, delle Sacre Scritture, del Vangelo, la riprova di tante
intuizioni, l’eccitazione della ricerca, la gioia di un’inaspettata ed inesplicabile
“certezza” ma, soprattutto, l’insegnamento di quella che risuona in me come
una grande Verità: non si può continuare a prendere senza dare!
Dopo anni di insegnamento imperniato sul simbolismo del tarot, mi
viene imperiosamente richiesto di più. Capisco, a mie spese, che non posso
rifiutarmi. È questo il motivo per cui raccolgo e faccio mia la richiesta che
Annick ha rivolto al numeroso gruppo degli allievi di Assisi: «L’età non mi
permette di sottoporre ulteriormente il fisico alla fatica di lunghi viaggi. Quello
che dovevo insegnarvi, cari amici, ve l’ho insegnato. Ora tocca a voi!»

Ora tocca a noi portare avanti un insegnamento che, simbolicamente, ci
mostra come ancora oggi l’Uomo si trovi confuso e in “esilio”, nella situazione
di regressione del sesto giorno della Genesi, giorno in cui è creato, ma non
ancora insufflato nelle narici e diventato anima vivente per entrare nella
dimensione del fare.
L’insegnamento di Annick, ci mostra una via di uscita, un’apertura verso lo
Shabbath, il settimo giorno.
Sacerdote, re e profeta lo siamo tutti; lo siamo con un’instancabile conquista
di noi stessi poiché, essendo tutti degli ’Adam – Uomini (e qui cade il fatale
equivoco creato da una traduzione errata dall'Antico Testamento del mito di
Adamo ed Eva, della colpevolezza di Eva, vittima di Satana tentatore)
conserviamo in noi, in una componente del nostro nome in ebraico, la presenza
ontologica della vocazione alla maternità.
Tutti, uomini e donne, siamo destinati a questo stesso parto.
Tutti portiamo in noi sia questa promessa di vita, sia i luoghi nascosti della
sua elaborazione.
Questa vocazione materna fondamentale è inscritta in noi, il suo sviluppo è
programmato nel nucleo divino del nostro essere. Non adempierlo costituisce il
dramma delle nostre vite. Obbedire a questa vocazione è la magnifica
realizzazione del nostro “Figlio” interiore, il “seme” divino depositato nel nostro
essere; è mettere fine alla nostra schiavitù al mondo esteriore nel quale ci
troviamo esiliati da noi stessi; è raggiungere la completezza del settimo giorno.
Obbedire a questa vocazione materna fondamentale è rivolgerci verso la
nostra interiorità, verso il polo femminile dell’essere. In questo luogo allora
scopriremo il responsabile della nostra alienazione: l’inconscio non più
visitato da un essere cosciente.
Come attuare coscientemente questa Teshuvah, “conversione”, verso la nostra
interiorità?

 

PER PARTECIPARE 15 EURO A LEZIONE
con prenotazione obbligatoria a info@lab-arca.it

 

Da Venerdì, Dicembre 14, 2018 - 20:30
fino a Venerdì, Giugno 14, 2019 - 22:30
 
  •  
  •